Home / Ticino / Meritocrazia o misura di risparmio? I dubbi sul nuovo ROD

Meritocrazia o misura di risparmio? I dubbi sul nuovo ROD

LUGANO – Le valutazioni sulle criticità del nuovo Regolamento organico dei dipendenti del Comune di Lugano (ROD) non saranno presentate in un’assemblea generale dei dipendenti. Lo ha deciso, nei giorni scorsi, la maggioranza della Commissione del personale, scegliendo così di facilitare l’iter alle risorse umane per la presentazione del relativo messaggio municipale (l’obiettivo dell’Esecutivo è di adottare il nuovo ROD il 1. gennaio 2018). Questa scelta tuttavia esclude di fatto i diretti interessati dalla procedura, che potranno esprimersi sulla questione soltanto per iscritto entro il prossimo 8 maggio. La Commissione, da parte sua, intende chiarire tutti i punti critici del ROD con una lettera al Municipio.

Lo scatto soltanto se meritato – La Città parla del nuovo ROD come di «uno strumento in linea con la mutata situazione organizzativa» ma i dipendenti (o meglio, come li definirà il rinnovato regolamento: i collaboratori) percepiscono il documento piuttosto come una misura di risparmio sui salari. La revisione del ROD prevede, infatti, l’introduzione di carriere salariali più lunghe (di fatto quasi raddoppiate) con scatti più modesti rispetto a ora. Inoltre, verrebbe introdotto il concetto di meritocrazia legando il diritto agli scatti a prestazioni lavorative che superano le aspettative. Il metodo di valutazione non è però ancora stato definito. Non mancano dunque gli interrogativi sulla fattibilità e oggettività del sistema. Il Municipio avrebbe poi la facoltà di bloccare le carriere per non specificate crisi finanziarie comunali.

Sistema di valutazione da testare – Per la Commissione non ci sono particolari dubbi sul concetto di meritocrazia, ma al Municipio sarà chiesto di testare per almeno due anni il sistema di valutazione. Soltanto in questo modo, secondo la Commissione, si potrà se del caso ridiscutere dell’opportunità di legare lo stesso alla meritocrazia. Il modello cantonale attuale, a cui la Commissione guarda con interesse, concede gli scatti a tutti i dipendenti che dimostrano di avere lavorato bene secondo gli obiettivi. L’aumento viene invece negato solo se la valutazione è negativa. Il corpo docenti comunale non viene toccato dalla riforma del ROD.

Nuova classificazione delle funzioni – Il nuovo regolamento prevede, infine, una classificazione rivista delle funzioni, riducendo le stesse a una settantina. Tuttavia non è chiaro, secondo chi ha letto il ROD, quali siano i criteri su cui si basa la nuova classificazione che per la maggior parte delle funzioni si traduce in una penalizzazione salariale.

Regole del blog. Leggere attentamente prima di commentare

Non è ancora stato inserito nessun commento.

Loggati a Tiolounge per poter essere il primo a commentare questo articolo.


Source link

About tioggiadmin

Check Also

Il SISA boccia “La Scuola che verrà”

Il sindacato esprime la sua contrarietà alla riforma. Criticati in particolare i principi educativi Il …